In questo sito vengono usati i cookies. Navigando nel sito accetti.

Corso di Elettrocardiografia in Aritmologia

A Caserta aritmologia e cardiologia, mondi troppo spesso distanti, si sono incontrate nel corso di Elettrocardiografia che, organizzato su tre giornate, è iniziato a giugno con grande successo di pubblico nella parte teorica e prosegue in autunno con le altre due giornate.

Organizzatori dell’evento sono Servisan, diretta da Giuseppe De Martino, Responsabile Scientifico dell’evento e capo dell’equipe di aritmologi che opera in diverse strutture convenzionate campane e pugliesi, e Elform, provider accreditato al Ministero della Salute per la formazione continua in medicina.

L’elettrocardiografia delle aritmie rappresenta un presidio diagnostico fondamentale per il corretto inquadramento del paziente aritmico e per le successive scelte terapeutiche. Allo scopo di favorire l’incontro e la crescita professionale delle diverse figure coinvolte nel percorso di diagnosi e cura del paziente, non solo cardiologi clinici, ma anche geriatri, internisti, medici dello sport e tutti quei professionisti che quotidianamente si trovano a confrontarsi con queste patologie, i temi trattati nel corso sono quelli della diagnosi differenziale delle aritmie sopraventricolari e ventricolari, e la diagnosi elettrocardiografica nei pazienti portatori di pacemaker e defibrillatori. Feedback estremamente positivi sul corso sono già venuti dai partecipanti della prima giornata soprattutto per le sessioni pratiche, durante le quali hanno potuto lavorare in piccoli gruppi su elettrocardiogrammi di pazienti aritmici, sotto la supervisione di esperti aritmologi.

Da questa iniziativa e dalla collaborazione tra Servisan ed Elform prende il via un ulteriore progetto: portare la formazione sull’elettrocardiografia sul web. Grazie a metodologie didattiche innovative messe a disposizione dalla rete, il nuovo format consentirà ad un numero sempre maggiore di medici di formarsi su questi temi con percorsi personalizzati sulle proprie esigenze e che favoriscano sempre di più l’interattività tra docenti e discenti.